Come pensare a una crisi per non diventare sua vittima

La crisi spaventa quando noi stessi disegniamo un’immagine terribile: ampi colpi di generalizzazioni ed esagerazioni. Allora la crisi sembra essere onnipotente e siamo indifesi. Come smettere di sentire una vittima? Dice la consulente psicologa Danila Gulyaev.

Immaginiamo che un regista di un altro pianeta che non sa cosa sia una crisi, facendo un film su ciò che ci sta succedendo ora. Cosa vede questo regista? Qui le persone in costumi stanno discutendo di qualcosa di violentemente sugli scambi. Qui i numeri sulla scheda elettronica stanno cambiando. Ecco le code delle banche. Ma le persone soppresse nei fumatori di grandi uffici si chiedono quale di loro verrà licenziato. Molti si siedono nelle cucine e discutono su come vivere. Tutti pronunciano la parola incomprensibile all’alieno – “crisi”. E si interessa a quello che è e come influisce sulla vita delle persone.

Questa parola descrive ciò che sta accadendo, spiega e prevede. Cosa sta succedendo? Una crisi. Perché sta succedendo? Una crisi. Cosa ci aspetta dopo? Una crisi. Questo concetto invade la vita delle persone e lo cambia non solo a livello di circostanze, ma anche a livello di identità – come le persone si determinano e come si sentono.

Il nostro direttore alieno ha osservato che molte persone con l’aiuto del concetto di “crisi” spiegano gli eventi che si svolgono per se stessi. La spiegazione calma: quando qualcosa di incomprensibile diventa più comprensibile, provoca meno ansia. Dare eventi ansiosi che spiegano il nome, determiniamo cosa stiamo affrontando e iniziamo a capire come agire ulteriormente.

Ma con l’aiuto del concetto di “crisi”, prevediamo anche il futuro: chiamare ciò che sta accadendo ora una crisi, sappiamo

Il mio ragazzo era in anticipo, perché non sapevo che stava aspettando * che gli uomini non sopporteranno il suono “Darth Vader beve succo” *. Ho legato ai suoi occhi, mentre Tetushka Angel lo consigliava, e iniziò il solito sesso orale per prepararlo.

già che continueremo. Non sappiamo esattamente quanto durerà la crisi e cosa porterà. Il futuro sembra incerto, e questo ci tiene in tensione e ansia. Tale ansia è una reazione naturale e non è necessario combatterla. Può anche essere ancora più dannoso negare o sopprimere l’ansia che preoccuparsi, perché ci vuole molto sforzo. Secondo molte persone, la pianificazione di azioni in grado di prevenire eventi spaventosi aiuta a ridurre l’ansia.

Soprattutto, il pensiero catastrofico esaurisce le forze: la tendenza ad esagerare la probabilità di eventi terribili in futuro. Presentando il futuro come catastrofico, sperimentiamo il panico, sperimentano privaci di fiducia, ma è così necessario mantenere uno stato d’animo intraprendente durante i cambiamenti di crisi! È utile in una situazione del genere per calcolare accuratamente la probabilità di determinati eventi, affrontando la tua esperienza e l’esperienza di altre persone.

La crisi diventa spaventosa quando facciamo fan. Molto spesso lo facciamo collettivamente quando parliamo di lui come qualcosa che assorbe completamente la nostra vita. Questa è un’immagine terribile, ma è difficile per il nostro regista capirlo: è creato usando le parole. Che per lui è solo lettere, per noi è più reale di quello che possiamo vedere, ascoltare e toccare. Questa è la realtà del nostro quadro generale di ciò che sta accadendo, che noi stessi attingiamo – ampi colpi di generalizzazioni ed esagerazioni. E in questa foto la crisi sembra essere tutta potente e siamo vittime indifese.

Sotto l’influenza di un senso di impotenza, è difficile riconoscere e applicare le tue risorse: abilità e conoscenza. Ma i cambiamenti di crisi consentono loro di usarli più attivamente e persino di svilupparsi per migliorare la loro vita. Pertanto, è importante schiacciare la crisi come concetto. Possiamo concentrarci su eventi specifici, immaginandoci un regista alieno. Ed è più facile reagire a ciò che è evidente e non a quali parole comuni e concetti globali descrivono.

Questo autunno, i colleghi Olga Zotova ed Elena Aksenova hanno tenuto il gruppo di supporto “Days Alarming Days. La mia strategia “. I partecipanti e io abbiamo cercato di trovare strategie individuali che avrebbero aiutato a vivere attivamente eventi avversi, non sacrificando i loro risultati, i piani e i loro sogni. Secondo le recensioni, uno dei più utili è stato l’esercizio in cui i partecipanti si sono chiesti: “Cosa rimarrà invariato nella tua vita? Quali aree nella vita non influenzeranno i cambiamenti di ansia? Questo importante e prezioso rimane sempre con te?” E ha aperto che la crisi non cattura completamente la vita delle persone: il più importante rimane stabile: famiglia, amicizia, hobby, abilità, principi di vita, saggezza e molto altro ancora. Tutto questo è il nostro supporto durante i periodi di instabilità. Inoltre, nei tempi di crisi, iniziamo ad apprezzare più e spesso contattarle.


Posted

in

by

Tags:

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *